LA MANIFESTAZIONE N.1 AL MONDO PER GLI STRUMENTI MUSICALI DI ALTO ARTIGIANATO

visit

18.127

Operatori e Musicisti
da 55 Paesi

expo

309

Espositori
da 30 Paesi

world

64%

 Espositori esteri

event

178

Eventi tra concerti, seminari, masterclass,
presentazioni e mostre storiche

I numeri dell’ultima edizione, confermano che Cremona Musica è il più importante appuntamento mondiale per gli operatori professionali del mondo della liuteria e della grande musica. Qui, patria delle più rinomate famiglie di liutai della Storia, e sede del più grande distretto liutario del mondo, si incontra la gente giusta per sviluppare nuovo business

Un festival internazionale con i più prestigiosi nomi della musica

Gli ospiti più attesi, dell’ultima edizione di Cremona Musica sono stati coloro che hanno ricevuto i prestigiosi Cremona Musica Awards: il violinista Salvatore Accardo; il compositore e direttore d’orchestra Ezio Bosso;  il liutaio Amnon Weinstein, che ha esposto alcuni violini dell’Olocausto dalla sua mostra “Violins of Hope”; il clarinettista Richard Stoltzman, che ha anche suonato in concerto insieme alla moglie Mika Stoltzman (marimba); il chitarrista spagnolo Paco Peña, che si è anche esibito al Museo Civico Ala Ponzone. Oltre a questi, ci sono stati oltre 20 recital pianistici, e decine di concerti dedicati agli archi, alle chitarre, ai fiati e alle fisarmoniche.

Cremona Musica ha ospitato anche il forum Nazionale dello Strumento Musicale, durante il quale è stato presentato il nuovo Osservatorio Dismamusica, l’autorevole report sull’andamento del mercato degli strumenti musicali nell’ultimo anno, commissionato dalla CCIAA di Cremona al CERSI

Mondomusica (Archi)

Cremona Musica ha reso omaggio a Violins of Hope, la mostra che raccoglie e racconta la storia di decine di violini provenienti dall’Olocausto. La fiera ha infatti ospitato una selezione di questi violini, che sono stati  suonati in concerto dai violinisti Cihat Askin e Sevil Ulucan Weinstein. La lista dei protagonisti di Mondomusica continua con i violinisti Cinzia Barbagelata, Yulia Berinskaya, Valentina Danelon, Dino De Palma, Elsa Martignoni, Kristina Mirkovic, Sara Zeneli, l’Orchestra Monteverdi-Stradivari di Cremona diretta da Francesco Fiore, l’Orchestra d’Archi dell’Istituto Superiore A.Stradivari, i violoncellisti Richard Aaron, Yelda Ozgen e Luciano Tarantino. Si è inoltre svolta la finale del Gewa Young Contest.

Piano Experience (Pianoforte)

Piano Experience ha offerto oltre 20 recital pianistici. Fra i protagonisti di questa edizione ci sono Angelo Arciglione, Francesco Attesti, Maurizio Baglini, Ramin Bahrami, Paolo Buonvino, Luca Ciammarughi, Claudia D’Ippolito, Jed Distler, Inna Faliks, Kekko Fornarelli, Enrico Intra, Katharina Kegler, Andrea Keller, Ivan Krpan, Jin Ju, Evgenia Lysohor, Alessandro Marangoni, Risto-Matti Marin, Joseph Edoardo Mossali, Elena Papini, Roland Pöntinen, Andrea Rebaudengo, Eliane Reyes, Riccardo Risaliti, Igor Roma, Andrea Rucli, Konstantin Scherbakov, Gwilym Simcock, Andrea Tonoli, Ingolf Wunder, Laura Zanoli.

Si è inoltre svolta la finale del Disklavier Composers Contest, il concorso di composizione per Disklavier, il pianoforte Yamaha che si suona da solo, che avrà come giurati Paolo Buonvino, Carlo Boccadoro, Stuart Isacoff, Gwilym Simcock e Fabio Vacchi.

Andrea Vizzini e Francesca Costanza sono stati i protagonisti dello Yamaha Silent Wifi Concert per piano e chitarra in Piazza del Comune. Evento organizzato in collaborazione con Eusalp, CCIAA di Cremona, e Regione Lombardia, nell’ambito di un progetto che ha incluso anche l’esposizione in città di una mostra fotografica (presso la Bertazzola del Torrazzo) e di alcune parti di abete rosso, che saranno collocate nei pressi della tomba di Stradivari e a Cremona Musica per ricordare la distruzione delle foreste da cui proviene il legno tradizionalmente usato nella liuteria, avvenuta un anno fa a causa della tempesta Vaia.

Cremona Winds (Fiati)

Il leggendario clarinettista americano Richard Stoltzman è stato protagonista di una masterclass e di un concerto, insieme alla moglie Mika Stoltzman (marimba). In totale il programma è stato di nove concerti, due masterclass, e la presentazione del CD Bach Sanssouci con Massimo Mercelli e Ramin Bahrami. Gli altri artisti protagonisti sono stati i sassofonisti Mirko Guerrini e Mattia Cigalini, i flautisti Mario Caroli, Mario Notaristefano e Irena Kavcic, il fagottista Andrea Bressan, i clarinettisti Alessandro Carbonare (con il pianista Monaldo Braconi), Tommaso Lonquich (che si è esibito col pianista Giuliano Mazzoccante), Pietro Tagliaferri (con il pianista Francesco Attesti).

Acostic Guitar Village (Chitarre)

Il giardino della Fiera ha ospitato tanta musica dal vivo, compreso un concerto per i 50 anni di Woodstock, con Jeff Pevar (chitarrista di David Crosby), Jackie Perkins, Inger Nova Jorgensen, appuntamenti classici come l’Italian Bluegrass Meeting (special guest Paul Stowe & Trevor Morriss), e Corde e Voci d’Autore, rassegna di cantautori chitarristi che quest’anno vede la partecipazione di Davide Van De Sfroos. 

Hanno completato il programma le mostre storiche, le masterclass di liuteria (con Dana Bourgeois, Michael Greenfield e Ken Parker) e di tecnica strumentistica (con Pierre Bensusan e Micki Piperno), il New Sounds of Acoustic Music dedicato agli artisti emergenti e il Bob Brozman Memorial Slide Contest, per un programma che concilia al meglio la chitarra classica e quella acustica contemporanea, senza dimenticare altri strumenti a corde a plettro e a pizzico.

Accordion Show (Fisarmoniche)

Fra i protagonisti dell’Accordion Show, Diego Trivellini, Riccardo Tesi, e il duo composto da Franco Casabianca e Gianluca Campi, già vincitore dei campionati mondiali di fisarmonica.  Ci sono stati appuntamenti dedicati alla scoperta della fisarmonica, come la presentazione del prototipo di Leonardo Da Vinci ricreato a Castelfidardo, conferenze a cura del direttore del museo della fisarmonica di Stradella Carlo Aguzzi e di Elio Bertolini, direttore del Museo delle impronte dei grandi della fisarmonica, numerosi eventi di divulgazione organizzati dal Nuovo Centro Didattico Musicale Italiano di Castelfidardo, e una mostra storica dedicata alla fisarmonica fra il ‘900 e gli anni 2000, a cura del collezionista Marino Lorenzini.

Divulgazione

Ezio Bosso ha presentato il progetto “Che Storia è la Musica”, insieme al produttore e co-autore del programma, Angelo Bozzolini, il direttore di Rai3, Stefano Coletta, e il membro del CdA RAI Beatrice Coletti. La Media Lounge ha ospitato anche due importanti tavole rotonde su aspetti di attualità del sistema musicale. La prima sarà incentrata sull’organizzazione musicale dal vivo, con rappresentanti di enti concertistici (Festival di Stresa, Keyboard Trust di Londra, Theater Limburg, Novaya Opera Theater di Mosca, Musica con le Ali) e di orchestre (Flanders Symphony, Orchestre Philharmonique de Nice). La seconda, dedicata all’alta formazione musicale, ha accolto i direttori o i capo-dipartimento di istituzioni come la Juilliard School, la UCLA, il Central Conservatory di Pechino, l’Accademia del Festival di Verbier, l’Istituto Monteverdi di Cremona.

Confermato anche il Digital Space di Pier Calderan, diverse presentazioni di libri a tema musicali, il seminario AIARP sulla regolazione del pianoforte acustico, la presentazione del progetto formativo per pianisti “Dædalus – l’artista da giovane”, ideato da Alexander Lonquich e Cristina Barbuti, e del progetto “Play it again” in collaborazione con il Dipartimento di Musicologia dell’Università di Pavia (sede di Cremona), la cerimonia di consegna delle certificazioni dei corsi del Trinity College di Londra, e la prima edizione del Premio della critica discografica Franco Abbiati.

Giornalisti da tutto il mondo e un grande riscontro mediatico

la Media Lounge: un’iniziativa che porta in fiera circa 30 giornalisti di alcuni tra i più prestigiosi media internazionali, che seguono la Manifestazione e fanno reportage sulle loro testate:

– Christopher Axworthy (Keyboard Trust)
– Luca Baccolini (Classic Voice)
– Serhan Bali (Andante)
– Kirsten Beasty  (The Strad)
– Roman Berchenko (Radio Orpheus)
– Nicola Cattò (Musica) 
– Luca Ciammarughi (Musica/Radio Classica/Suonare News) 
– Giulio Cinelli  (Pianosolo.it)
– Jed Distler (Gramophone e International Piano Magazine)
– Martin Hoffmeister (MDR Radio)
– Patrick Jovell (Pianostreet.com)
– Stuart Isacoff (Wall Street Journal, Musical America)
– Evgenia Krivitskaia (Music Life, Russia)
– Peter Korfmacher (Leipzig Volkszeitung)
– Alexander Laskowski (Polish Radio)
– Christian Lloyd (The Strad)
– Massimo Lombardi (Venice Classic Radio)
– Valentina Lo Surdo (Radio3, Suonare News) 
– Luca Lucibello (Archi Magazine)
– Michele Manzotti (La nazione)
– Duilio Meucci, (Suonare News) 
– Filippo Michelangeli (Suonare News)
– Lorenzo Papacci (Quinte Parallele)
– Paola Parri (Pianosolo.it)
– Cecile Prakken (Brava TV) 
– Serena Roberti, (Hearst Magazine, Silhouette)
– Christian Salerno (Pianosolo.it)
– Toru Sase, Sarasate Magazine (Giappone)
– Eric Schoones (Pianist Magazin, D/Pianist Magazine, NL)
– Matti Toumisto (Rondoclassic e Rondo Magazine)
– Alessandro Tommasi (Amadeus online – Le Salon Musical)
– John Thomas (Fret Board Journal)

Questa attenzione mediatica ha portato ad avere una rassegna stampa che conta 1165 uscite su 401 testate