John Monteleone, tra i migliori costruttori di liuteria chitarristica al mondo, da New York a Cremona Mondomusica per un’imperdibile masterclass-seminario di due giorni.

  • John Monteleone, uno dei migliori liutai al mondo di chitarre archtop e mandolini, sarà a Cremona Mondomusica il 25 e il 26 settembre 2015 per una masterclass-seminario; Mark Knopfler, leader dei Dire Straits, gli ha dedicato una canzone dopo avergli commissionato una chitarra.

  • Monteleone celebra quest’anno i 40 anni di attività, le masterclass saranno un viaggio attraverso la sua carriera con la presentazione di interessante materiale fotografico dei suoi workshop, passati e presenti, e la discussione sulle teorie concettuali e filosofiche per la costruzione dei suoi strumenti.

L’appuntamento imperdibile per gli appassionati delle sei corde è con la masterclass-seminario di John Monteleone che si articola in due giornate , 25 e 26 settembre in sessione mattutina e pomeridiana, nell’ambito del calendario degli eventi dell’Acoustic Guitar Village di Cremona Mondomusica (in programma dal 25 al 27 settembre 2015).

Monteleone, è un enfant prodige della liuteria, infatti inizia a costruire strumenti da giovanissimo a soli 13 anni studiando contemporaneamente musica. Prosegue gli studi musicali fino alla laurea diventando un insegnante di musica, ma senza mai abbandonare l’attività di costruttore e restauratore di strumenti che, negli anni Settanta, diventa il suo impegno primario: colleziona e ripara chitarre, archtop e mandolini soprattutto del mondo del bluegrass e del blues.

Il nome di Monteleone comincia da subito a circolare nel mondo dei musicisti e balza agli onori della cronaca quando Mark Knopfler, leader dei Dire Straits, gli commissiona una chitarra. Knopfler rimane folgorato dal suo modo di lavorare e di rapportarsi con lo strumento e gli dedica un pezzo, “Monteleone”, che entra nell’album “Get Lucky”. Nel testo del brano Knopfler ha utilizzato espressioni come “è ora di fare segatura” tipiche del gergo del liutaio per comunicargli lo stato dei lavori del suo strumento.

Molto attivo anche come restauratore, Monteleone presenterà i suoi più interessanti progetti di restauro: nel 1978 l’intervento sulla #1002, la seconda chitarra costruita da John D’Angelico nel 1932 che ora è esposta nella collezione del Metropolitan Museum of Art di New York; nel 2010, sempre per il Met, Monteleone restaura il #101, il primo mandolino costruito da James D’Acquisto esposto anche nella mostra del 2011 “Guitar Heros”; il restauro nel 1982 della Selmer #75690 appartenuta a Djiango Reinhardt e donata a Les Paul; la riparazione del manico rotto sulla D’Angelico New Yorker #2049 del 1958 e riparazioni del tone bar su una altra chitarra, entrambe di George Benson.

Sabato 26 settembre inoltre John Monteleone insieme a Rudy Pensa presenteranno il libro “ARCHTOP GUITARS – Viaggio da Cremona a New York”, un libro d’arte sulla chitarra che identifica i paralleli culturali della liuteria tra 17 ° secolo a Cremona e il 20 secolo, a New York City.

Per maggiori informazioni e modulo d’iscrizione alla Masterclass-seminario di John Monteleone clicca QUI